Il Giornale dell’Arte

A partir de 1994 Roberta Bosco es corresponsal desde España de Il Giornale dell’Arte (editorial Allemandi), la principal revista italiana de arte, fundadora del network del que forman parte The Art Newspaper y Le Journal des Arts.
Roberta fue corresponsal en Barcelona de la edición española (El Periódico del Arte) desde su inicio en 1997 hasta su cierre en 2002.

Vamos a reunir en esta página una selección de artículos publicados por Roberta Bosco entre 1994 y la actualidad:

 

:: 2019 ::

 

Papà Pablo (Giugno 2019 – Il Giornale delle Mostre)
Barcellona (Spagna). Giusto un mese prima dell’inaugurazione de «En el nombre del padre» (Nel nome del padre), la mostra più attesa della stagione del Museo Picasso, l’artista Eulalia Valldosera ha realizzato una performance medianica per trasmettere le informazioni che si nascondono dietro le pennellate del ritratto che nel ’57 Picasso fece a Jacqueline Roque, la sua ultima compagna.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.398, Giugno 2019)

«Flamencos» del V&A (Maggio 2019 – Il Giornale delle Mostre)
La Coruña (Spagna). Rembrandt, Rubens, Van Dyck e Brueghel il Vecchio sono alcuni degli artisti presenti nella mostra «Trazos maestros: dibujos holandeses y flamencos del Victoria & Albert Museum» (Linee maestre: disegni olandesi e fiamminghi del Victoria & Albert Museum) che la Fundación Barrié di La Coruña accoglie fino al 23 giugno. Dopo la première a Londra e la presentazione negli Stati Uniti, quella del Museo Barrié è la prima uscita europea della mostra che coincide con il 350mo anniversario della morte di Rembrandt e il 450mo della morte di Pieter Brueghel il Vecchio.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.397, Maggio 2019)

 

Il Giacobbe più vecchio d’Europa è un dipinto catalano (Maggio 2019)
Urgell (Spagna). Dopo più di quattro anni di lavoro, il Centro di Restauro della Catalogna ha presentato i risultati dell’intervento sulla straordinaria serie di 16 dipinti conservata nel Museo Diocesano raffigurante la storia di Giacobbe e dei suoi 12 figli narrata nell’Antico Testamento. Il restauro, che ha rivelato una qualità artistica superiore al previsto, è stato complicato dal fatto che alla fine dell’800 le opere furono ridipinte da un artista locale di dubbia perizia.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.397, Maggio 2019)

 

Ai Weiwei per i desaparecidos (Maggio 2019)
L’artista ha realizzato con mattoncini Lego un omaggio agli studenti di Ayotzinapa.
… e unisce cinesi e desaparecidos (Maggio 2019 – Il Giornale delle Mostre)
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.397, Maggio 2019)

 

Frieze coast to coast, Arco in tensione, giraVolta all’Armory
Los Angeles, Madrid e New York. La stagione fieristica internazionale si è aperta all’insegna di alcune novità: lo sbarco di Frieze a Los Angeles, la prima edizione di Arco a Madrid dopo l’annuncio del cambio alla direzione; gli scossoni e qualche interrogativo che hanno riguardato l’Armory Show e altre mostre mercato a New York.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.396, Aprile 2019)

 

Il monumentale organo dipinto di Tarragona (Aprile 2019)
Tarragona (Spagna). Dopo un complesso intervento in situ durato 18 mesi e costato 364mila euro, l’enorme organo rinascimentale della Cattedrale di Tarragona ha recuperato l’aspetto cinquecentesco e la mobilità delle monumentali ante dipinte con tre scene sacre: l’Annunciazione, la Natività e la Resurrezione.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.396, Aprile 2019)

 

Il marine ebanista perfetto (Marzo 2019 – Il Giornale delle Mostre)
Madrid. Per l’artista nordamericano Horace Clifford Westermann (Los Angeles, 1922 – Danbury, 1981) vivere era sinonimo di fare, costruire, creare e non solo le sculture di legno per cui lo si conosce, ma anche uno spazio proprio, il suo luogo nel mondo.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.395, Marzo 2019)

 

Dopo 8 anni, riapre il Chillida Leku
Hernani (Spagna). Il 10 gennaio scorso, 95mo anniversario della nascita dello scultore basco Eduardo Chillida, i figli hanno annunciato l’attesa riapertura di Chillida Leku, il meraviglioso spazio culturale immerso nella natura, inaugurato dall’artista nel 2000, due anni prima della sua morte.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.394, Febbraio 2019)

 

Brossa sul palcoscenico
Barcellona (Spagna). Periodo di celebrazioni per Joan Brossa (nella foto in basso), poeta, artista plastico e drammaturgo. Dopo averne ricordato i 20 anni dalla morte nel 2018, quest’anno si celebra il centenario della nascita.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.394, Febbraio 2019)

 

Per ARCOmadrid un’edizione all’insegna del dialogo (Febbraio 2019)
Direzione condivisa tra il direttore uscente Carlos Urroz e la subentrante Maribel López.
Madrid. L’originalità e il talento delle giovani generazioni di artisti e la ricerca di nuovi incentivi per collezionisti e galleristi, sono i concetti chiave della trentottesima edizione di ARCOmadrid.
Direzione condivisa (Il Giornale delle Mostre).
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.394, Febbraio 2019)

 

Via Urroz, Arco torna al matriarcato
Colpo di scena: la neodirettrice è Maribel López.
Madrid. Carlos Urroz, il primo uomo alla direzione di ArcoMadrid nei 37 anni di attività della fiera, lascia. Lo sostituisce Maribel López (Barcellona, 1972), dal 2011 a capo prima della sezione di Arco dedicata alle gallerie più giovani e poi responsabile commerciale della principale fiera di arte contemporanea della Spagna.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.393, Gennaio 2019)

 

Al genio francese serve lo straniero
Al Reina Sofía la scena parigina dal dopoguerra al ’68.
Madrid. Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, mentre lottava per riconquistare la reputazione di capitale culturale del mondo occidentale, Parigi fu presa letteralmente d’assalto da ondate di artisti stranieri attratti da un ambiente apparentemente libero da pregiudizi morali e accademici.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.393, Gennaio 2019)

 

Il battito della megalodemocrazia
Washington. S’intitola «Megalodemocrat» il documentario di Benjamin Duffield, girato durante dieci anni in 30 città, che racconta la carriera dell’artista messicano-canadese Rafael Lozano-Hemmer, noto per le sue monumentali installazioni interattive capaci di trasformare zone urbane, edifici storici e grandi porzioni di cielo.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.393, Gennaio 2019)

 

Il Prado bicentenario (9/01/2019)
Da Twitter ai prestiti ad altri musei spagnoli, il neodirettore Miguel Falomir ha dato il via alle celebrazioni della sua inaugurazione il 19 novembre 1819.
(Edizione in PDF de Il Giornale dell’Arte n.393, Gennaio 2019)

 


 

ARCHIVOS Il Giornale dell’Arte: